News

Responsabilità e dialogo, la leadership nell’era digitale

05/01/21 -

Articolo Leadership

Che cosa vuol dire esercitare la leadership nel terzo millennio? Come si diventa leader all’avanguardia, con un pensiero che privilegi le persone, i processi e il successo?

Questi sono alcuni tra gli argomenti trattati al Bits & Pretzels 2020, conferenza dedicata alle start-up che si tiene a Monaco di Baviera durante l’Oktoberfest.

Ecco cosa ne pensano un manager e un esperto di risorse umane.

Hildegard Wortmann e Cawa Younosi, rispettivamente direttore reparto HR di SAP e membro del CDA Audi con responsabilità per vendite e Marketing, si sono confrontati sul tema.

Il COVID-19 ha avuto un impatto senza precedenti nella cultura della leadership, racconta Wortmann: "Nonostante la distanza fisica che c'è tra loro, manager e collaboratori hanno continuato a crescere sempre più vicini".

Gli ultimi mesi hanno dimostrato quali sono stati i leader capaci di adattarsi e quali no.

In un periodo caratterizzato dalla globalizzazione e dalla digitalizzazione, tutto è diventato più veloce: saper rispondere velocemente e in maniera flessibile diventa vitale, come anche sapersi adattare alle situazioni, e saper intraprendere strade nuove e a volte rischiose.

Questo cambio di scenario punta i riflettori su un concetto fodamentale: l’unbossing.

L’unbossing, uno stile di gestione agile e flessibile, è essenziale per creare un’atmosfera dove manager e collaboratori si vedano alla pari e possano favorire la crescita dell’innovazione. Avere una leadership agile significa diminuire il controllo del singolo collaboratore, aumentando la fiducia.

"Nell'industria automobilistica, tutto sta cambiando ed è molto importante essere aperti alle nuove idee che ogni singolo collaboratore può portare" aggiunge Wortmann.

Lìintelligenza emotiva è la base fondamentale per una leadership innovativa: questo il pensiero comune di Wortmann e Younousi. L’unico modo per stimolare l’innovazione è ascoltare, imparare gli uni dagli altri e scambiarsi idee su un piano di parità.

Wortmann e Younosi concordano sull'importanza dell'intelligenza emotiva, che è la base fondamentale per una leadership innovativa. "Ascoltarsi e imparare gli uni dagli altri e scambiarsi idee su un piano di parità.

La diversità è essenziale per l’innovazione e le nuove idee possono arrivare da tutti, indipendentemente da posizione, età e background.

“Dopo il Coronavirus nelle aziende sono nati un nuovo tipo di fiducia e di considerazione reciproca; questo è fondamentale perché l'innovazione nasce se c'è una buona atmosfera al lavoro", afferma Younousi.

In uno scenario in continua evoluzione, se tutti sono capaci di rimanere autentici e tutti possono farlo, il contributo di ogni singolo collaboratore diventa la chiave di successo per l’intera azienda.

Il Manager in gradi di promuovere questo modo di essere diventa il leader per eccellenza, autentico e appassionato.

Non importa se si tratta di marketing o di risorse umane: che siano clienti o collaboratori, le persone e le loro esigenze devono essere al centro di tutto. Del resto, le start-up sono veloci e hanno successo proprio per questo: metodi di lavoro agili, gerarchie piatte e uno stile di gestione cooperativo.

Fonte: Audi AG

Torna alle news

Richiedi informazioni

1 I tuoi dati


2 Trattamento dati personali